Archivio mensile:febbraio 2013

OOOMMMmondo nuovo

Standard

 

Buona giornata.

I giorni appena trascorsi sono stati forieri di grandi cambiamenti. Quanto accaduto nelle ultime elezioni ha in sé un particolare messaggio. Guardando gli esiti del M5S ho notato il numero dei seggi: 108 e 54!

Nella cultura Hinduista il 108 rappresenta i nomi del Signore, nonché il numero dei grani del Mala (il corrispondente del Rosario) e il 54 è la sua metà esatta…

Vi sono altre corrispondenze con il numero 108, una delle più significative è la seguente:

“108 è il numero delle intersezioni delle linee tra i Chakra, che convergono sulla linea del cuore e portano alla realizzazione e all’auto-coscienza.” (dal sito www.gioielliorientali.com)

Credo sia davvero un messaggio intenso e profondo che il Divino ha voluto elargirci. Un’esortazione e un incoraggiamento a proseguire in quanto intrapreso. Teniamoci dunque per mano e apriamo sempre più i nostri cuori, il nuovo mondo può e sta davvero sorgendo in noi e più prende posto nel nostro cuore più potrà manifestarsi all’esterno..

Om Namah Shivaya

  Rosa con pioggia

 Om Surya Namah

Annunci

PREMA DEVI E’ IL 17….

Standard
PREMA DEVI E’ IL 17….

La mia vita e’ costellata dal numero 17!

Vi faccio ridere un po’ con il 17…..

Il mio Adorato Maestro Sri Premananda e’ nato il 17 novembre…
La mia adorata Madre Mere’ ha lasciato il corpo entrando in Mahasamadhi il 17 novembre….
il mio adorato nipotino Cristian e’ nato il 17 novembre…ore 17!

Ovunque mi trovo il 17 e’ li ad aspettarmi…

Cosi’ mi ritrovo a partire da gate 17…o ad esempio abito a grugliasco dove passa il pulman n 17….vado a votare come stamattina e il seggio e’ il n 17…
parto o arrivo dall’india o in italia il 17 …
compro qualcosa e pago 17 euro..
compro una sciarpa pensando Swami e scopro che costa 17 euro!
Mi danno appunttamento alle ore 17…
incontro qualcuno per me importante il giorno 17!
la strada per andare alla sagra di San Michele e’ costellata di 17!
parcheggio davanti al 17!

Insomma amici cari potrei andare avanti raccontandovi delle mie avventure con il 17 per lungo tempo ….

MA SAPETE IL 17 E’ IL NUMERO DELLA MADRE DIVINA…
Ora vi spiego..

Da molte popolazioni vine considerato il numero DELL’IMMORTALITA’. e chi lo possiede eleva spiritualmente.

12 sono i segni dello Zodiaco, 4 elementi, Acqua, aria, terra ,fuoco, piu’ il quinto elemento ,l’etere,che e’ il punto centrale dello Zodiaco, se li sommate …abbiamo il n 17!..Lo Zodiaco rappresenta tutta la creazione Divina…e cioe’ la MADRE DIVINA.

Ha un profondo significato esoterico ed iniziatico,
è il numero del Tempio e dei Cavalieri Templari.

Sono 17 i nomi degli Angeli invocabili in alto e 17 nomi dei demoni evocabili in basso. La stella della Vergine Maria a otto punte, ha in realtà 16 lati più il centro cioè 17.

17 = 1 + 7

1 quale numero di Dio e della Cosa Unica, posto in relazione col Centro Mistico, il Polo Radiante e la Potenza Suprema rappresentata dal Serpe Ourobouros.

7 numero della Sapienza e della Conoscenza e l’idea di mistero e magia che lo circonda è legata al fatto che gran parte dei Cicli Vitali più importanti sono settenari.
Il sette simboleggia profonda saggezza, l’interesse per la religione e per la filosofia, ricerca delle verità eterne, segretezza e mistero, introspezione e meditazione.

Secondo la Kabbalah la Creazione dell’Universo è avvenuta il 17.10.3761 a.C.:
la somma dell’anno dà 17!

Il numero 17 nei tarocchi rappresenta l’equilibrio tra l’Uomo e la Creazione, ed ha quindi valenza estremamente positiva.

Attualmente al 17 è stato attribuito un significato assai negativo.

Nell’alfabeto ebraico la diciasettesima lettera è la pe
(i suoni F, P, PH dell’alfabeto latino),
e significa ” parola e silenzio”.

Il 17 significa equilibrio Universale, oggi ed ieri!

Nella sfera fibonaccea il 17 cela il punto centrale, cioè l’ordine Universale:
1 2 3 5 8 13 +4+17+4 21 darà:
153 = 360 = 9 = celestialità : ovvero
17 40

il 17 per i romani era XVII
anagrammandolo viene fuori VIXI
cioè vissuto = se ho vissuto, sono morto

1+7=8=INFINITO

17 I numeri racchiudono il codice segreto per interpretare l’universo.
La valenza simbolica dei numeri è data dal loro valore qualitativo e dalle interazioni con tutti gli altri elementi strutturanti l’universo. Tutte le componenti dell’universo sono caratterizzate da una sequenza numerica che stabilisce il rapporto con tutto ciò che la circonda. Le interazioni composte dai numeri vanno al di là di un mero calcolo quantitativo. Infatti da un punto di vista spirituale l’uno rappresenta l’unico, cioè l’unicità della divinità; il due non proviene dal raddoppiamento dell’uno, ma dalla sua divisione. Il due divide e rompe l’armonia dell’uno, e il ritorno all’unità si ha con il tre, cioè con il percorso inverso. Fatto che spiega come il tre, il triangolo, la triade, siano espressioni dell’unità. In tutte le tradizioni antiche i numeri sono sacri, proprio perchè permettono di comprendere l’ordine delle cose e le leggi del cosmo. La Cina da millenni riconosce ai numeri una funzione ordinatrice, energizzante e armonizzante del mondo e della materia vivente. Tutti i numeri partecipano del simbolismo dell’unità, sia per addizione teosofica, che consiste nell’addizionare le cifre tra loro, sia anche per scomposizione. Per esempio, il 28 = 2 + 8 = 10 = 1 + 0 = 1; il numero ventotto è dunque l’espressione dell’unità primordiale. Ma il 28 è anche composto di 4 x 7, apparentato alle quattro fasi della luna. I multipli di un numero possiedono in generale gli stessi suoi significati, tuttavia hanno meno forza ed energia, non essendo forme pure. I numeri si dividono in pari e dispari in base a delle specifiche qualità. I numeri pari hanno una polarità femminile, quindi sono passivi e rappresentano degli stati dell’essere, mentre i numeri dispari, con polarità maschile, sono attivi e rappresentano degli avvenimenti.

Numero del Figlio dell’Uomo, secondo Abellio.

Rappresentano l’azione della evoluzione sul cosmo e la sua tendenza alla liberazione karmico, 1 + 7 = 8, secondo R. Allendy.

Simbolo di un uomo che partecipa a entrambi i mondi, celesti e terrestri, secondo Prevorst. Henry Blanquart va nello stesso modo dicendo che esso “rappresenta la congiunzione tra il mondo materiale e mondo spirituale”.

A proposito di questo numero, Saint Augustin dichiara: “Nel numero diciassette come in suoi multipli troviamo un mirabile sacramento”.

Diciassette ripristina l’armonia dopo le lotte delle sistenza. È l’immagine dell’iniziato che è riuscito al suo matrimonio interiore.
Secondo Guy Tarade, è il numero dello Spirito Santo.

Secondo il libro della bilancia dei Jbir Ibn Hayyn, alchimista e sufi, la forma (sura) di qualsiasi cosa al mondo è 17, il numero 17 rappresenta la base della teoria del bilancio e deve essere considerato come la regola del saldo di ogni cosa.

Nella Bibbia

Diciassette persone e le nazioni sono presenti alla Pentecoste: la Galilea, Parti, Medi, Elamiti, i popoli della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadocia, del Ponto e dell’Asia, della Frigia e della Panfilia, dell’Egitto e delle parti della Libia di Cirene round, i residenti di Roma, Ebrei e proselystes uguali, Cretesi e Arabi. (At 2,7-11)
Giuseppe aveva diciassette anni quando fu venduto dai suoi fratelli e scortato in Egitto. (Gn 37,2)
I diciassette giudici dopo la morte di Josuah fino Samuel: Othonial, AOD, Samgar, Jahel, Debora, Barac, Gedeone, Abimelech, Thola, Jair, Jepheth, Abezan, Ahialon, Abdon, Sansone, Eli e Samuel.
Roboamo, figlio di Salomone, regnò diciassette anni in Gerusalemme. (1 Re 14,21)
Ioacaz, figlio di Ieu, regnò diciassette anni in Isarel in Samaria. (2 Re 13,1)
I Dieci Comandamenti di Dio sono composti in 17 versi al ventesimo capitolo del libro dell’Esodo.
Jacob ha vissuto diciassette anni nel paese d’Egitto. (Gn 47,28)
Gesù ha viaggiato diciassette anni per la sua preparazione prima del suo ministero pubblico.[senza fonte]
La preghiera del Rosario della Vergine Maria è composto da 17 Pater e 153 Ave Maria. E la somma dei 17 numeri primo dà 153.
Secondo un passo del Talmud, è scritto che l’intera Torah contava inizialmente 17 libri.
Secondo le visioni di Anne-Catherine Emmerich, diciassette donne seguirono la Via Crucis. E nelle visioni del fratello Joseph-Francis, la Croce misurava 17 piedi.
Le rivelazioni ricevute da Mary Jane di Stati Uniti, enumerare, nel complesso, diciassette gioie che conosciuto la Beata Vergine Maria, la cui maggiore è stato quello di essere immessi sul Trono di Dio. Nessuno altro non è mai stata in grado di acquisire questo onore.
L’apostolo Giacomo scrisse la sua Lettera diciassette anni dopo la crocifissione di Gesù Cristo.
La legge ebraica conta diciassette benedizioni.

Matteo e l’Antico Testamento – 4. Matteo 17
Significato della persona di Gesù: La trasfigurazione

L’epoca sullo sfondo della quale si staglia la figura di Gesù insieme al senso della sua apparizione, si manifesta anche nella pericope che segue quella della confessione di Pietro, alla quale abbiamo dedicato attenzione. Si tratta dell’episodio della Trasfigurazione di Gesù (Mt.17,1.13)

Se si legge il racconto semplicemente come un miracolo, cioè così come leggeremmo un’informazione giornalistica, isolata dal contesto, non renderemmo conto del suo più autentico significato e quindi non capiremmo che cosa il testo voglia comunicare.

17, 1 -“Sei giorni dopo Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello, e li condusse in disparte, su un alto monte. 2 E apparve trasfigurato davanti a loro: la sua faccia diventò splendida come il sole e le vesti candide come la luce. 3 Ed ecco, apparvero loro Mosè ed Elia in atto di conversare con lui. 4 Allora Pietro prese la parola e disse: «Signore, è bello per noi stare qui; se vuoi, farò qui tre tende, una per te, una per Mosè e un’ altra per Elia». 5 Mentre egli stava ancora parlando, una nube splendente li avvolse. E dalla nube si udì una voce che diceva: «Questi è il mio Figlio diletto nel quale ho posto la mia compiacenza: ascoltatelo». 6 All’ udir ciò, i discepoli caddero faccia a terra, presi da grande spavento. 7 Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi; non temete!». 8 Essi, alzati gli occhi, non videro nessun altro all’infuori di Gesù. 9 Ora, mentre discendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non fate parola con nessuno della visione, finche il Figlio dell’ uomo non sarà risorto da morte». 10 Allora i suoi discepoli lo interrogarono dicendo: «Perché dunque gli scribi dicono che prima deve venire Elia?». 11 Egli rispose: «Elia, sì, deve venire e restaurerà ogni cosa. 12 Ma io vi dico che Elia è già venuto e non I’ hanno riconosciuto; anzi l’hanno trattato come hanno voluto. Così anche il Figlio dell’ uomo dovrà soffrire per opera loro». 13 Allora i discepoli capirono che egli intendeva parlare di Giovanni il Battista”.

NAMASTE AMATI.

Tra parentesi il video che ho scelto..per caso…e’ stato caricato il

Caricato in data 17/mar/2011
This is the official music video for Enigma’s “MMX (The Social Song)” – a song created for and with fans.

http://www.youtube.com/watch?v=wWuBGRKiyU0

21 Febbraio… Mahasamadi Premananda e Compleanno di Mother Mère!

Standard

21 FEBBRAIO 2011 SWAMI PREMANANDA ENTRA ALLE ORE 13,30 IN MAHASAMADI …LO STESSO GIORNO DEL COMPLEANNO DI MOTHER MERE’….SWAMI E’ NATO IL 17 NOVEMBRE ,LO STESSO GIORNO DEL MAHASAMADI DI MOTHER MERE’…

OGGI CELEBRO NEL MIO CUORE IL LORO AMORE DIVINO CHE HA INCENDIATO TUTTI GLI ATOMI DELLA MIA ANIMA….

AI LORO PIEDI DI LOTO CON AMORE, DEVOZIONE E GRATITUDINE MI INCHINO….ETERNAMENTE….

POSSA IL LORO AMORE DIVINO INCENDIARE TUTTI GLI ATOMI DEL VOSTRO ESSERE E FARVI RISVEGLIARE DALL’ILLUSIONE MAYA .
 

Le Sagge Parole di SWAMI PREMANANDA
Posted on 15/04/2012 by Centro Yoga Premananda

“Dietro tutte le vostre preghiere ci dovrebbe essere la sincera aspirazione a maturare spiritualmente.”

Quando facciamo una pratica spirituale sincera, alcune buone qualità crescono dentro di noi e ci rendono più maturi e pronti per avvicinarsi al Divino. Questo mese ricordiamo le parole di Swamiji sulla qualità della pazienza.

Pazienza Nei primi anni di vita siamo puri, ma dall’età di circa otto anni: rabbia, gelosia, avidità, ego, attaccamento e desiderio s’insinuano nella nostra mente. Nascono speranze dal desiderio. Gesù Cristo disse che è inutile desiderare qualcosa: dimostrate amore e sentimenti puri al Divino e,attraverso l’amore, realizzerete tutto.

Una persona che ha amore genuino e puro non sarà mai arrabbiata.

Se si è persone mature, non ci si irrita e non ci si arrabbia con nessuno. Anche se gli altri urlano e vi rimproverano, mostrate solo amore puro. Ci sono persone a me vicine che mi hanno causato grandi difficoltà, ma io gli ho manifestato solo amore. Non sto parlando della teoria scritta sui libri. Vi sto dicendo ciò che ho veramente praticato e sperimentato. Se qualcuno strilla, sono solo semplici parole, perché arrabbiarsi?

Se abbiamo amore vero nel cuore e gli altri gridano e criticano, dovremmo immediatamente perdonarli e pensare che semplicemente non siano ancora maturi.Siate pazienti con tutti.

Se rimanete pazienti e calmi, la persona che vi dà problemi imparerà molto di più e contemporaneamente, conseguireteuna maggiore conoscenza e comprensione che vi porterà avanti verso la realizzazione del puro amore.

Gesù ha insegnato che se qualcuno ci percuote la guancia, si dovrebbe porgere anche l’altra! Sorridete e aspettate con pazienza e umiltà, qualunque cosa accada.Meditare su queste meravigliose qualità vi porterà sicuramente vicino a Dio. HARI OM

SWAMI PREMANANDA

https://www.youtube.com/watch?v=YqoiUHGmi8g

 

OM NAMA BHAGAVATE’!

ARISE…MOTHER MERE. ITALIANO AND ENGLISH
Posted on 16/10/2011 by Centro Yoga Premananda
Quando siamo di fronte perfino dal peggiore essere umano possibile, il piu negativo e spregevole, la nostra attitudine dovrebbe essere come quella di Mere, the Divine Mother dell’ashram di Sri Aurobindo secondo cui dovremmo dirgli – non mi ricordo le parole esatte – qualcosa come:

“Oh tu splendido essere di Luce, che sei per sempre puro. che sei pieno di amore, che non sei mai nato e non morirai mai,

che sei per sempre UNO con il Divino, ALZATI ORA E MANIFESTA LA TUA VERA NATURA!”

When confronted by even the worst possible human being, the most negative and despicable, our attitude should be like the one of Mere of Sri Aurobindo’s Ashram who said that we should tell him – I do not remember the exact words:

“Oh thou splendid being of Light, who are forever pure, who is full of love, who was never born and will never die,

who are foverer one with the Divine, ARISE NOW AND MANIFEST YOUR TRUE NATURE!

VIJAY

A Mère

“Tu sei discesa in un mondo di lotta per portare il tuo aiuto

a una razza mortale cieca e sofferente,

per aprire alla luce occhi che non potevano vedere,

per portare la gioia nel cuore del dolore,

per fare della tua esistenza un ponte tra laTerra e il Cielo”.

Sri Aurobindo

 

Nella Pace e nel Silenzio…

Standard
Nella Pace e nel Silenzio, l’Eterno si manifesta; non permettere ad alcunché di turbarti e l’Eterno si manifesterà; sii perfettamente equanine di fronte a tutto e l’Eterno sara là … Sí, non bisogna mettere troppa intensità né troppi sforzi nel cercarTi; questa intensità e questi sforzi sono un velo davanti a Te; non si deve desiderare di vederTi, è ancora l’agitazione mentale che oscura la Tua Eterna Presenza.
Nella Pace, nella Serenità, nell’Equanimità piú completa tutto è Te e Tu sei tutto, e la minima vibrazione in quest’atmosfera pura e calma è un ostacolo alla Tua manifestazione. Nessuna fretta, nessuna inquietudine, nessuna tensione; Te, null’altro che Te, senza analisi né oggettivazione, e Tu sei là, senza possibilità di dubbio, perché tutto diventa Pace Santa e Sacro Silenzio.
E ciò vale piú di tutte le meditazioni del mondo.
Come un fiamma che arde silenziosamente, come un profumo che ascende, senza vacillare, il mio amore sale verso di Te; e come il bambino che non pensa e non si preoccupa di niente, mi affido a Te perché la Tua Volontà sia fatta, la Tua Luce si manifesti, la Tua Pace sia insediata e il Tuo Amore protegga il mondo. Quando vorrai io sarò in Te, sarò Te, senza alcuna differenza; e aspetto quest’ora benedetli uomini, affinché tutti coloro che sono pronti possano godere le beatitudini che Tu concedi nella Tua infinita Misericordia, e la Tua Pace regni sulla terra.
Che la Tua gloria sia proclamata,
Che la vita ne sia santificata,
Che i cuori ne siano trasformati,
E che la Pace regni sulla terra.
Signore, Signore, una gioia senza limiti riempie il mio cuore, canti d’allegria fanno vibrare nella mia testa le loro vinrazioni meravigliose, e nella piena fiducia del Tuo sicuro trionfo, trovo la pace suprema e la potenza invincibile. Tu riempi il mio essere, Tu l’animi, Tu attivi le sue energie nascoste, Tu illumini la mia comprensione, Tu dai senso alla sua vita, Tu aumenti il suo amore; ed io non so piú se sono nell’universo o se l’universo è in me, se Tu sei in me o io sono in Te; Tu solo esisti e tutto è in Te; e le vibrazioni della Tua grazia infinita riempiono e oltrepassano il mondo.
Cantate terre, cantate popoli, cantate uomini, La Divina Armonia è là.
Volgersi verso Te, unirsi a Te, vivere in Te e per Te, è la felicità suprema, la gioia completa, la pace immutabile; è respirare l’infinito, conquistare l’eternità, non avere piú limiti, sfuggire il tempo e sottrarsi allo spazio. Perché gli uomini sfuggono questi benefici come se li temessero? Che strana cosa è l’ignoranza, sorgente di tutte le sofferenze. Che miseria questa oscurità che allontana gli uomini proprio da ciò che li farebbe felici e li obbliga a questa dolorosa scuola dell’esistenza comune, fatta di lotte e di sofferenza.
La Tua voce è così tenue, cosí imparziale, cosí sublime di pazienza e di misericordia, che si fa udire senza autorità, senza potenza di volontà, ma come una brezza fresca, dolce e pura, come un mormorio cristallino, che mette una nota d’armonia nel concerto discorde. Solo per chi sa ascoltare la nota, respirare la brezza, essa contiene tali tesori di bellezza, un tale profumo di pura serenità e di nobile grandezza, che tutte le folli illusioni svaniscono e si trasformano in una gioiosa accettazione della meravigliosa realtà intravista.

Mère

Foto

Messaggio Universale

Standard
http://youtu.be/KjvRU3NUHUw
NAMASTE AMATI MIEI SE’…

MEDITIAMO INSIEME….SEGUITEMI ANDIAMO A CREARE QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO………LA NUOVA ERA D’ORATA…

Dopo aver guardato questo video con il cuore aperto….
Chiudete gli occhi….
Immaginate uno schermo bianco immenso…..
guardelo ,immergetevi in esso….fino a che non sentirete un solo pensiero nella mente….fino a che non sentirete che siete lo schermo stesso…
Silenzio….poi senti scorrere sul tuo schermo infinite galassie….infiniti mondi….infinite storie,fiori,laghi,stelle, lune, soli…tempi e tempo….carezze e cascate…….baci e sorrisi…bimbi,vecchi e giovani…nazioni,razze,guerre e pace….barche’ e aerei, sogni e illusioni…illuminazione e splendori di atomi…che danzano al suono di infinite melodie ……
Ancora silenzio…..lo schermo e’ tornato bianco…..ecco Amati …noi siamo quello ”schermo bianco’….ma siamo anche il ”regista”…possiamo proiettare sullo schermo bianco il nuovo MONDO DI PACE E AMORE……

SAPETE……E’ la MADRE DIVINA STESSA CHE LO STA CREANDO ATTRAVERSO OGNUNO DI NOI…IL SUO INFINITO AMORE PENETRA OGNI ESSERE ….LA SUA ENERGIA D’AMORE scatena Rivoluzioni dentro e fuori di noi….con LEI nel cuore..
possiamo creare insieme il capolavoro dei capolavori….
LA VITA DIVINA.

OM NAMAH SHIVAYA……
THANK YOU!

Sveglia!!!

Standard
Viviamo in un’epoca di purificazione e trasformazione radicali, tutto si sta modificando, tutto è in movimento, in divenire. Tutti gli abitanti di ogni singola parte del mondo stanno attualmente sperimentando le prime ondate di un’immane emanazione di energia divina verso la Terra. E’ ora in atto una metamorfosi globale senza precedenti, che sta accelerando lo sviluppo umano e causando grandi cambiamenti alla vita terrestre, e che presto, con la nascita del Nuovo Mondo, innalzerà l’umanità in una nuova era di esperienze e conoscenza superiori.

Questa occasione davvero unica sta attirando l’interesse e l’attenzione di molti altri esseri del vasto universo, e il Pianeta Terra, dal momento che occupa una posizione chiave nel nostro sistema solare e nel complesso della nostra galassia, è diventato una sorta di incrocio attraversato dall’enorme “traffico” proveniente da altri pianeti, mondi e densità.

Collettivamente, hanno calcato ogni passo della via della sofferenza, sono passati attraverso tutte le esperienze fisiche terrene, hanno superato ogni difficoltà, e hanno resistito. Costoro, per la specie umana hanno più volte affrontato il sacrificio del sé personale o inferiore, sono i martiri e i santi dei tempi passati e conoscono bene, quindi, il significato della completa rinuncia a qualsiasi cosa possa essere preziosa in questo mondo, dell’incondizionato rifiuto del superfluo, scelte che rappresentano anche il requisito essenziale per tutte le anime che, sulla Terra, ambiscono davvero alla crescita spirituale. Non c’è nessuna avversità, nessun sacrificio, nessuna dolorosa perdita personale che questi Servitori non abbiano a loro volta affrontato. Hanno esplorato tutti i sentieri della conoscenza sulla Terra, sono scesi nelle più profonde vallate della vita e nei più oscuri abissi dell’inferno. Da lì si sono arrampicati fin sulla cima della montagna della crescita spirituale, e sono poi andati oltre, hanno trasceso sia lo spazio che il tempo, liberandosi di qualsiasi identificazione col sé individuale per diventare solo brillanti punti di luce nella Mente Universale; ed è questo che li rende dei perfetti Servitori del genere umano, perché è per questo che oggi sono di nuovo tra noi: per aiutare.

Inoltre, allo stesso tempo, la loro consapevolezza della liberazione che si deve ottenere in questo momento critico — il passaggio tra due Età — e la loro comprensione della maggiore libertà garantita dal rifiuto dei vecchi e superati modi di vita in favore dei paradigmi dell’emergente mondo nuovo, permettono loro di capire a fondo gli attuali bisogni della specie umana.

Qualcuno potrebbe ragionevolmente chiedere: se agire sul piano fisico implica per i Servitori così tanti sforzi, difficoltà e sofferenze, perché allora non si astengono del tutto dall’incarnarsi sulla Terra, aiutando semplicemente il mondo dai piani sottili, lavorando, per così dire, da casa? Le ragioni principali sono due.

La prima, e più importante, è che loro si incarnano sul piano fisico affinché le idee archetipe — formulate con cura dalla Mente Divina — possano vivere attraverso essi sul piano della materia e quindi divenire manifeste per la coscienza umana. Quando queste idee vengono introdotte nella nostra coscienza collettiva essendo rappresentate e vissute da chi fa parte di essa, sono facilmente comprese dall’umanità e diventano parte integrante della sua consapevolezza collettiva e del suo paradigma di vita.

Di conseguenza, il loro aiuto è estendibile anche a quelli che non sanno connettersi alle entità invisibili dei piani interiori o segreti della vita; il loro amore può essere quindi apprezzato anche da chi resta scettico riguardo ai mondi sottili. Sia chiaro, comunque, che questo supporto individuale è solo una piccola parte del compito complessivo dei Servitori, e al momento opportuno la missione collettiva principale si rivelerà, quando i risultati del Grande Lavoro delle Epoche cominceranno a manifestarsi sulla Terra.

Nel loro parziale ricordo di tutto ciò, i Servitori percepiscono con immensa gioia di essere vicini alla grande realizzazione di una fase vitale del Piano Divino per la Terra, il Sistema Solare e tutto ciò che è oltre, i cui risultati provocheranno riverberazioni che faranno avanzare lo sviluppo della vita in tutto l’Universo.

SVEGLIA…SVEGLIA…SVEGLIA…
E’ URGENTE RICORDARSI CHE SIAMO ”UNO”….
SOLO SENTENDO NEL CUORE QUESTO DIVINO ”SENTIMENTO” POSSIAMO TRASFORMARE QUESTO ASSURDO ”INCUBO CHIAMATO VITA….IN VITA DIVINA!

OM NAMAH SHIVAYA!
THANK YOU!
http://www.youtube.com/watch?v=lmXskt-bugg

Hanuman Chalisa

Standard
http://www.youtube.com/watch?v=7H15Ds3rGjQ

Saluto il Se’ senza forma. Saluto me stesso, infinito e senza forma, saluto il Se’ che esiste in me come pura coscienza testimone, senza forma e senza divisioni di spazio e tempo.

Vittoria a te, Se’, che ti sei manifestato come l’infinito universo.

Vittoria al Se’ che e’ pace suprema.

Vittoria a Te che sei la fonte di tutte le sacre scritture -i Veda – e sei anche al di la di esse.

Vittoria a Te che sei la causa della creazione.

Vittoria a Te, causa senza causa.

Ho raggiunto l’autoconoscenza e sono nello stato di pace suprema.

Saluto il Se’, saluto me stesso, la coscienza non duale, il gioiello di tutti i mondi visibili ed invisibili. Sei stato realizzato in un istante!.

IMMERSO NEL MIO SE’…vivo eternamente D’AMORE D’ANANDA.

OM NAMAH SHIVAYA!
THANK YOU!