Archivi categoria: Pitagora

ஐ PITAGORA IL GRANDE, PADRE DEL VEGETARISMO E DEL PACIFISMO OCCIDENTALE ஐ DI LASU MIRA

Standard

ஐ PITAGORA IL GRANDE, PADRE DEL VEGETARISMO E DEL PACIFISMO OCCIDENTALE ஐ

pubblicata da Lasumira Puraluce il giorno giovedì 8 dicembre 2011 alle ore 22.48

“L’Igienismo come scienza comportamentale”Nasce a Samo, in Grecia, nel. 570 a.C e muore a Metaponto, Italia, nel 496 a.C.Pitagora fu il fondatore della matematica, dell’astronomia, della musica ma anche della scienza medica diversi secoli prima di Ippocrate; fu l’originatore del sistema naturopatico di guarigione senza l’uso di medicine o operazioni (questo suo metodo venne poi adottato dai Terapeuti, setta di derivazione essenica dalla quale nacque e si sviluppò la prima cristianità. Il leader di questa setta neopitagorica del 1° sec. fu Apollonio di Tiana, considerato il Cristo dei greci). Pitagora fu padre del vegetarismo e ispiratore dei maggiori scritti sull’argomento di autori celebri come Plutarco, Ovidio, Seneca, Leonardo da Vinci, Shelley, Wagner, Tolstoi, Platone, Aristotele, Epicureo, Porfirio, Lambicco, Proclo.

A Crotone fonda la prima scuola di vegetarismo occidentale.

Fu il più grande riformatore morale, educazionale, sociale e politico che la storia ricordi.

Pitagora attinse molto dalle culture indiane legate al Brahmanesimo e ai Veda e a quelle di Zoroastro e fu faro per il mondo, simbolo di sintesi ideale tra le anime opposte dell’est e dell’ovest, l’anello mancante delle grandi religioni cristiana ed islamica.

Pitagora insegna il rigore, l’essenzialità, la frugalità, la sobrietà, la coerenza, la salute, l’amore, il vegetarismo.

Era un profeta, un mostro di saggezza laica, capace di fare ombra ai credi religiosi del tempo e tuttora Pitagora rappresenta la parte migliore di noi.

I suoi insegnamenti semplici e chiari sono tutti terribilmente validi e attuali. L’erudizione di Pitagora era frutto delle scuole iniziatiche egiziane, caldee, brahamaniste, druidiche, orfiche ed eleusiniane che aveva frequentato.

In Egitto dove rimase per 22 anni studiò le sacre scienze di Hermes le quali preservavano le perdute conoscenze di Atlantide. A Babilonia ebbe come insegnante Zoroastro, poi alle pendici dell’Himalaya ebbe come istruttori i brahmini di Krisnha. Andò spesso a Mileto a trovare Talete.

Pitagora fondò un’autentica religione basata sul vegetarismo e sul pacifismo,raccomandò una dieta non carnivora non soltanto per motivi di buona salute fisica, mentale e spirituale, non solo per benevolenza verso gli animali ma anche perché credeva che la violenza verso i più deboli portasse inevitabilmente ai conflitti tra gli esseri umani. Esortò politici e capi di stato ad astenersi dal mangiare carni insanguinate e a dare il buon esempio alle popolazioni. Diceva “Come potrete pretendere giustizia quando voi stessi sacrificate per crudele ghiottoneria o avidità degli esseri legati a noi da fraterna alleanza?”

Per Pitagora l’ignoranza è il più detestabile, biasimevole, empio e sacrilego degli umani difetti. Insegnava ad onorare i genitori ancora prima degli Dei. Insegnò che gli Dei ci sono grati non per le nostre offerte e le nostre preghiere ma per le nostre buone azioni. Si può dire sia stato il vero fondatore dell’ordine degli esseni, ovvero dei primi cristiani.

La dottrina di Pitagora e quella di Licurgo re di Sparta, che imponevano il vegetarismo assoluto, prendevano spunto dall’oracolo di Delfi e dei Misteri di Orfeo.

Considerava la separazione dei genitori come la più grave disgrazia per i propri figli. Era per un governo scientifico di saggi e di filosofi che per la loro professionalità e moralità meglio sapevano quello che era necessario al popolo. Prima che uno sia in grado di governare gli altri, diceva, deve saper governare se stesso.

Fu fondatore della scienza dell’educazione.

Obiettivo principale era la formazione di un carattere morale dell’individuo “perché l’intelletto staccato dalla coscienza può essere una maledizione più che una cosa utile”. Fu il primo educatore dell’antichità ad ammettere le donne nella sua scuola con le stesse libertà e gli stessi diritti degli uomini.

L’Utopia creata da Pitagora a Crotone era abitata da uomini e donne liberi e questo esercitò una grande influenza su tutta l’Italia: un esempio concreto, vivente e funzionale di città ideale.

Per Pitagora fondamentale era l’educazione dei giovani i quali oltre ad essere educati al regime vegetariano, dovevano astenersi dalle pratiche sessuali prima dei 20 anni. Il rapporto sessuale non dovrebbe mai avvenire per il solo piacere di accoppiarsi ma per lo specifico scopo di procreare ottimi bambini.

Pitagora sosteneva che una dieta carnea produceva uomini dissoluti e violenti, oltre che causare una diminuizione del rendimento scolastico dei giovani, mentre una dieta vegetariana consentiva salute vigorosa nel corpo e nella mente. “I consumatori di carne e pesce finiscono per cercare sfoghi in eccessi sessuali”. Alla domanda su quanto indulgere ai piaceri del sesso rispondeva: “Ogni qual volta vorrete rendere voi stessi più deboli. L’energia sessuale se conservata viene convertita in energia mentale e spirituale”.

Milo, filosofo-atleta pitagorico, la cui forza sovrumana lo rese famoso nel mondo classico, era vegano: un esempio concreto dei benefici della dieta vegetariana. Tiana, suo assiduo seguace, aveva una salute eccezionale e anch’egli era vegano.I punti principale del suo insegnamento furono: la concordia popolare, la venerazione degli Dei, la legge, l’erudizione, il silenzio, l’astinenza dalle carni di animali, la continenza sessuale, la temperanza, la bontà e la generosità perfino nei confronti dei propri nemici.

Pitagora oltre a cibarsi solo di frutta secca e vegetali non indossava mai indumenti o calzature derivanti da animali. Oltre a carne , pesce e derivati animali Pitagora proibiva anche l’uso di legumi, funghi, aglio e tutti i cibi ricchi di proteine. “Mai sacrificare animali agli Dei o ferire animali ma promuovere in tutti i livelli una cultura di rispetto e protezione nei loro riguardi”.Pitagora fu circondato dell’alone di santità e considerato autore di miracoli, veniva detto figlio di Dio. Eraclito scrisse di lui: “Pitagora fu l’uomo più colto di tutti i tempi”. I Romani, molti anni dopo la sua morte, gli eressero una statua con l’iscrizione: Il più saggio di tutti gli uomini. Si disse che venne a questo mondo per migliorare la razza umana.

Fu visto alimentare orsi con delle pannocchie e non venne mai attaccato dalle diverse belve che avvicinava. Un giorno durante un viaggio tra Sibari e Crotone incontrò dei pescatori che issavano delle reti. Indovinò per scommessa il numero dei pesci ed essi accettarono di ributtarli a mare. Pitagora pagò il valore dei pesci liberati. Si credeva ad una sua immacolata concezione che lo voleva figlio del dio Apollo intervenuto spiritualmente sulla sua madre naturale Il padre di Pitagora, come Giuseppe, venne avvisato profeticamente che sua moglie avrebbe dato alla luce un bambino che sarebbe stato un benefattore del genere umano. Copernico si ispirò a lui per la sua teoria rivoluzionaria e lo stesso fece Galileo e questo spiega l’accanimento da parte della Chiesa che dava alle fiamme ogni suo scritto. La Chiesa fece di tutto per comprimere, sminuire e nascondere la gloria di Pitagora ed usò tutto il suo enorme potere politico e culturale. Scribi e Chiese cristiane rastrellarono con cura furente e con minuziosità missionaria tutti gli scritti di Pitagora e ne fecero dei falò in tutte le città, in tutte le scuole, in tutte le biblioteche dell’antichità. Le dottrine pitagoriche furono contrastate duramente dai padri fondatori della nuova chiesa di Roma sotto l’imperatore Costantino che perseguitò i manichei che continuavano a preservarle.Aristotele, seguace di Pitagora, impose la dieta vegetariana al suo pupillo Alessandro Magno il quale visse sempre e solo di frutta e vegetali. Orfeo fu il primo ad insegnare in Grecia attraverso scuole e comunità l’esclusione dei cibi animali e l’impiego di lana e cuoio per vestirsi. Ma Pitagora fu il primo grande vegetariano nel mondo occidentale a insegnare con metodo scientifico la cura delle malattie del corpo e della mente mediante la dieta vegetariana.

 

 

ஐ *Conoscere l’Essenza Divina è

la Destinazione Spirituale della Nostra Anima,

 che è stata mandata sulla Terra dal Creatore dell’Universo* ஐ 

 

Pitagora

 

 

“Ho riflettuto per lungo tempo su come guidare le anime umane alla Cognizione della Sostanza Vera dell’uomo, alla Cognizione dell’Intero, all’Amore, alla Conoscenza della Natura e della Madre-Terra, come dimostrare il Fuoco Divino e come versare sulla gente la Luce della Sapienza.”

 

Tutti i Miei Maestri disincarnati mi hanno aiutato a costruire ed a creare quella che, per i secoli, è stata chiamata la Dottrina di Pitagora. 

 

Ho separato severamente i livelli, per non intorbidare la mente debole dell’uomo con un peso insopportabile.

 

La Moralità, l’Amore e la Bellezza: tutto questo Io ho messo alla base del primo livello e l’ho chiamato: 

il Silenzio dell`Anima. 

 

Soltanto calmando la mente e imparando a dominare tutta la negatività dentro di noi, i

mparando a cambiare noi stessi, come Anima, e imparando a sviluppare l’Amore e la Saggezza in noi stessi,

solo cosi è possibile diventare candidati, che faranno la parte degli allievi migliori.

 

Ho fatto diventare l’antica tradizione dell’Iniziazione Spirituale una Scienza: la Scienza sullo Sviluppo dell’Anima. 

 

*La Saggezza è la Conoscenza Spirituale del Supremo.* 

 

Non ha tanto valore la Conoscenza, che esercita soltanto la mente e sviluppa la memoria,

questa sì può paragonare ad un gioco a palla, che allena i muscoli. 

 

La Conoscenza diventa Preziosa quando porta alla *Cognizione della Verità *

e della *Legge della Vita dell’Intero*. 

 

 !Senza dinamica del Cambiamento Spirituale le Conoscenze sono inutili! 

 

 !Senza la Moralità, le Conoscenze sono pericolose! 

 

  

 

 Io, Pitagora,

 

 Vorrei attirare l’attenzione dei giovani sulle Leggi dell’Esistenza e sul Senso della Vita. 

 

 

Vorrei infondere l’Amore per la Saggezza!

Glorificare la Bellezza della Terra!

Vorrei che le consuetudini di vita caratterizzate dalla Bontà,

diventassero il Fondamento della Vita per le Comunità Umane! 

E vorrei spalancare la porta per far entrare nel mondo l’Amore Divino,

la Calma e la Beatitudine in chi ne sente il Desiderio”. 

 

 

*LA POESIA D’ORO*  di Pitagora*

 

(che è stata destinata all’insegnamento dei principianti della Scuola)

 

Preparazione

 

Tu devi davanti al Dio Immortale fare i Sacrifici:

rimanere fedele, onorare il ricordo dei grandi eroi,

vivere in pace con tutto il mondo.

 

Purificazione

 

Rispetta i tuoi genitori ed anche il tuo prossimo.

 

Come nell’amicizia, anche nel matrimonio scegli una persona saggia,

ascolta i suoi consigli, segui il suo esempio, per motivi insignificanti mai litigare con lui.

 

Ricordati la legge delle cause e degli effetti, che è nel tuo destino.

 

La possibilità di vincere le tue passioni ti è stata data dall’Alto.

 

Allora imbriglia in te stesso, con tutta la forza della tua volontà:

avidità, pigrizia, passioni sessuali e rabbia avventata!

 

Trovandoti da solo o davanti alla gente abbi paura di fare le cose brutte!

Custodisci il tuo onore!

 

Sii sempre giusto nelle parole e nelle tue azioni,

seguendo inflessibilmente gli ordini della ragione e della legge.

 

Non dimenticare che il destino, inevitabilmente, porta tutti alla morte.

 

Ricordati che i beni terreni possono arrivare facilmente, ma nello stesso modo si perdono.

 

Le disgrazie che la gente incontra devono essere sopportate con mite pazienza,

pensando che appartengono al proprio destino,

ma nello stesso momento ciascuno deve cercare possibilmente di alleggerire il dolore.

Ricordati:

 

iI Dio Immortale non dà mai alla gente prove più grandi di quelle che possono essere sopportate.

 

Tante possibilità di scelta esistono nella vita umana.

Tante di queste sono buone, ma altre no.

Per questo, prima di tutto, è necessario guardarle attentamente,

per scegliere fra loro quelle che conducono alla strada più giusta per noi.

Se fra la gente l’errore domina sulla Verità,

il saggio si allontana e aspetta che la vittoria della giustizia arrivi di nuovo.

 

Ascolta con tanta attenzione quello che ti dico e ricordati:

non ti devono mettere in imbarazzo le azioni e i pensieri delle altre persone,

loro non ti devono stimolare alle azioni e a parole nocive e dannose!

 

Ascolta i consigli della gente ma da solo rifletti continuamente!

Soltanto lo stupido agisce senza pensare prima!

 

Fai solo quello che, dopo, non ti porta alla disgrazia e

non sarà il motivo di farti sentire i rimorsi della coscienza!

 

Se c’è qualche cosa che non conosci, non cominciare ad agire prima di avere capito e dopo,

avendo imparato, puoi arrivare al successo!

 

Non devi sacrificare il tuo corpo, ma cerca di dargli da mangiare,

da bere e di fare tutto in una certa misura per fortificarlo nel modo giusto,

senza esagerare e senza pigrizia.!

 

Nella tua vita cerca, possibilmente, di mantenere tutto in ordine.

Il lusso mandalo via! Per colpa sua nasce l’invidia fra la gente.

 

Abbi paura d’essere tirchio!

 

Abbi paura di sciupare la bontà, come fanno i fannulloni!

 

Fai soltanto quello che, né adesso, né dopo, ti porta alla distruzione!

Perciò pensaci prima di fare un passo o un atto.

 

Perfezionamento

 

Non deve chiudere il sonno le tue palpebre appesantite prima che per tre volte tu non ti sia ricordato delle tue azioni compiute nel giorno.

 

Come un freddo giudice le dovrai analizzare, chiedendoti: “Che cosa ho fatto di buono?

In cosa non sono riuscito di quello che dovevo fare?”

Così controlla nell’ordine tutto ciò che hai fatto durante il giorno, dalla mattina fino la notte e,

per quello che hai sbagliato, tu devi pentirti!

Sii gioioso per le cose belle, fatte bene, e per i successi riportati.

 

Usa questo manuale, pensaci sopra di continuo e cerca di seguire i suoi insegnamenti sempre!

Perché i Miei consigli ti avvicinano alla Perfezione!

 

Garante di questo sarà Lui, Chi ha messo dentro di noi il Pegno della Sostanza Divina e della Virtù Superiore!

 

Prima di cominciare i tuoi affari, devi rivolgerti al Dio con sincera devozione e così, con il Suo Aiuto,

tu potrai finire ciò che hai cominciato.

 

Quando su questa strada tu ti sarai rinforzato,

 

arriverà il momento di sapere tutto del Dio Immortale e anche della gente,

e di ciò che determina la Diversità fra le persone, di Lui, Che contiene TUTTI  perché in ciascun c’é il suo Fondamento, e anche del fatto che il Creato corrisponde all’Intero Unico e che nell’Eterno non esiste la materia morta.

 

Dopo che avrai saputo questo, non sbaglierai più perché per te sarà tutto chiaro.

 

Saprai anche che la gente da sola è colpevole delle sue disgrazie per causa della propria ignoranza!

 

E le persone sono libere di fare la loro scelta!

 

Che sofferenza per loro!

Nel loro accecamento folle non vedono che la felicità, che desiderano tanto, si nasconde nel loro proprio profondo!

 

Ci sono pochissimi di noi che possono liberarsi dalla disgrazia con il proprio sforzo,

perché le persone sono cieche nella comprensione della legge che regola la costruzione del proprio destino!

Come se fossero ruote, loro si rotolano sulla discesa della montagna,

portando con sé il peso degli errori del passato,

di tutto il male che è stato fatto,

dei litigi, tutto questo invisibilmente dirige i loro destini fino alla loro morte…

 

Invece di cercare il litigio dappertutto, gli uomini devono evitarlo e cedere senza discussione…

 

Solo Tu, il Dio Potente, sei capace di liberare il popolo umano dalle loro disgrazie,

dimostrando a tutti che sono stati vittime dell’oscurità dell’ignoranza, che li ha accecati!

 

Tuttavia ugualmente non bisogna perdere la speranza di salvare la gente da quel buio profondo,

perché Ogni Persona ha nel Suo Cuore la Radice Divina, 

e la Natura è pronta ad aprire a tutti i Misteri dell’Esistenza. 

 

Se riuscirai anche tu a scoprirli, allora presto accadrà quello che Io ti predico!

 

Allora prendi cura della Tua Anima! Questo ti aprirà la strada per la Libertà!

 

Tu devi astenerti dall’alimentazione carnivora: tutto questo è opposto alla tua natura e impedirà la tua purificazione!

 

Quindi se vuoi liberarti dai legami terrestri, prendi come comandamento, quella comprensione che ti è stata data! Sarà questo a guidare il tuo destino!

 

E dopo il cambiamento totale della Tua Anima, potrai diventare anche tu il Dio Immortale, che ha calpestato la morte.

 

 

 

*CONVERSAZIONE CON PITAGORA*

 

Raccontaci, per favore, di Te: come Tu hai ricevuto Iniziazione e come dopo hai insegnato agli altri!

 

L’Armonia fra lo Sviluppo dell’Amore, della Saggezza e della Forza,

Io la chiamerei la Regola d’Oro nell’Arte dell’Allevamento delle Anime.

 

In quest’ultima Incarnazione, Io ero già l’Anima con Cognizione Divina che avevo elaborato nelle tante vite precedenti.

 

Lo scopo dell’ultima incarnazione era l’Affermazione della Verità che parlava di Dio,

per le tante successive generazioni umane sulla Terra.

 

Si potrebbe dire che Io sono stato l’ultimo di quelli che hanno ricevuto l’iniziazione nell’Egitto,

secondo la tradizione che ha avuto inizio dal Tot — Atlant, ma dopo ci sono stati dei cambiamenti durante i secoli.

 

Mi davano le lezioni i sacerdoti i quali avevano una gran forza personale e conoscevano tanti misteri della magia.

Ma in essi l’aumento della propria volontà e della forza personale è stato preponderante e ha occupato il posto della Luce Divina e della Purezza dell’Anima.

L’aspirazione alla potenza personale e al desiderio di comandare sugli altri e il desiderio di essere prescelti hanno fatto oscurare l’Amore dentro di loro.

La loro volontà essi l’hanno considerata come la Volontà del Dio, senza avere dubbi…

La loro forza la immaginavano come la manifestazione suprema delle capacità umane…

L’Amore è stato perso, sono rimaste soltanto la prepotenza e la forza…

Tante conoscenze degli abitanti di Atlantide, relative al pianeta Terra e agli altri corpi cosmici, sono state conservate grazie a loro… Loro avevano la capacità di influire sulle anime e sui corpi…

Ma senza l’Amore Divino la forza è morta…

L’Anima, che ha avuto la trasformazione, grazie all’Amore, è capace di diventare saggia!

 

Soltanto il Cuore Spirituale è capace di arrivare fino in fondo al Cammino di Cognizione del Creatore, senza inciampare, per dopo unirsi alla Sostanza Divina, che dirige tutta la Creazione del Mondo.

 

… Io sono grato a loro. Tutto quel che ho potuto, Io ho regalato dopo, quando loro s’incarnavano di nuovo…

 

… Per tanti anni essi Mi hanno insegnato, ma Io non ho perso né la Purezza delle Mie aspirazioni,

né l’Amore per il Creatore. La scienza della vita l’ho studiata per mezzo della mia consapevolezza, grazie al distaccamento dal corpo materiale. Ho imparato i metodi per crescere e ingrandirsi nelle dimensioni (eoni) diverse.

 

Ho conosciuto i riti del sacramento che esistevano in quei tempi.

In uno di quei riti la morte si provava come nella realtà.

Nel corso di questa esperienza la Mia Anima doveva sopportare tutta la scala della misurazione della diversità dell’Universo, partendo dall’inferno fino alla Luce per, alla fine, scegliere la Luce.

 

Ma il Contatto con la Luce i sacerdoti non potevano sentirlo.

 

Perciò l’ultimo passo Io l’ho fatto con l’aiuto delle Anime Divine, che Mi aspettavano nella Luce.

Mi hanno fatto conoscere le Legge della vita delle anime e la Sostanza Divina ed Eterna.

Mentre Io ero in Unione con il Supremo il mio corpo rimaneva disteso nella tomba di pietra, che è stata fatta per il rito d’iniziazione.

 

Mi hanno dato la possibilità di scegliere: entrare nella Luce e non tornare mai più nel corpo o il ritorno.

Tornare significava diventare il Conduttore, Ricostruttore delle conoscenze, di tutto ciò che avevo imparato nella Grande Purezza del Primo Fattore. Io ho preferito il secondo, e la Mia scelta è stata decisa da Me come lo scopo della Mia vita.

 

Ho deciso di creare un sistema d’Iniziazioni diverso da quel “cerchio” mistico, che Io ho dovuto attraversare.

 

… Non Mi è stata data subito la possibilità di aprire la Scuola…

Sono passati tanti anni. Sono stato prigioniero insieme con altri sacerdoti, quando l’invasione persiana, come un’ondata di mare in tempesta ha fatto affogare Egitto e altri paesi.

 

Negli anni di prigione la Mia Unione con la Luce Iniziale diventava sempre più forte, nonostante che il corpo si trovasse nelle condizioni difficili imposte dalla vita.

 

In quegli anni ho conosciuto anche i nuovi riti di altre religioni e altre scienze…

Nei miei pensieri ho creato il progetto della Scuola, quale ho potuto realizzare più tardi a Crotone.

 

* * *

 

La Giustizia Divina non è come quella che la gente, in gran parte, s’immagina.

 

Nella vita delle persone arrivano le cose, che devono arrivare cioè tutto quello che loro hanno attirato con i loro pensieri e le azioni nel corso del proprio vissuto.

 

Il Dio è Creatore di queste Leggi!

Non può succedere nessuna disgrazia, se non è stata meritata!

Non può essere dato da sostenere un peso più grande della forza!

Non può arrivare felicità non meritata, non indispensabile;

soltanto l’orgoglio, il senso di pena verso se stessi, l’attaccamento per le cose e le persone,

nonché l’invidia e la gelosia, fanno immaginare la felicità degli altri come non meritata!

 

La Giustizia del Dio è Grande:

ognuno raccoglie i frutti, che ha seminato e allevato.

Se la frutta è amara, ognuno di noi ha la possibilità di allevare qualche cosa di diverso, per avere il risultato migliore e più dolce!

 

* * *

 

— Racconta: che cosa serve per non perdere il sentimento di felicità?

 

— Il Sole della Felicità sorge nel cielo interno!

 

Il Cammino si realizza grazie agli sforzi!

Gli ostacoli soltanto aumentano le tue forze e fanno accrescere la saggezza nel superare le barriere!

 

L’Amore, che illumina da dentro, non si trasforma per colpa degli ostacoli del mondo delle conseguenze!

 

Purificandosi noi ci avviciniamo a Lui — al Creatore, alla Fonte del tutto.

Bisogna diventare la Purezza Primordiale per manifestare Lui!

 

Diventa Dio colui, che ha percepito La Volontà Superiore e nello stesso momento è riuscito a trattenere acceso il Fuoco Divino che é divampato in lui!

 

Tutto quello, che tu vedi è stato creato dal Suo Amore e ogni atomo manifestato dal Suo Amore e dalla Sua Forza.

 

Chi ha ricevuto l’Iniziazione, deve illuminare con il Fuoco, Che è stato ricevuto, e con se stesso riaccendere la luce nuova — la Luce delle Conoscenze e dell’Amore verso l’Unica Volontà Creatrice — verso il Creatore del Tutto!

 

* * *

 

 

 È necessario imparare la Purezza della mente!

 

Ascoltando senza obiettare con i pensieri all’interlocutore!

 

Rispetta i pensieri degli altri con il silenzio dell’attenzione e con la profondità della percezione!

 

In questo si manifesta l’Amore dell’uomo verso l’uomo nel momento della conversazione fra loro.

In questo si manifesta l’Amore dell’uomo per Dio nella Conversazione con Lui.

 

Soltanto quando la tua mente si trova nel silenzio e ascolta, il Cuore è colmo dell’Amore, allora Dio parla con te.

 

 

 

— Ci racconti per favore, se nella Tua Scuola si usavano le tecniche simili ad asana di hatha-ioga per riordinare l’energetica dei corpi?

 

— Io personalmente conoscevo tali metodi, essi si usavano anche in Egitto.

Ma Io non ne facevo uso nella Scuola creata da Me.

Facevo così perché questo attira l’attenzione dell’allievo più verso il corpo che verso l’Anima.

 

Le tappe iniziali da noi erano di “preparazione” e di “purificazione”,

quando l’Anima si riempiva delle Conoscenze su Moralità e Purezza, sull’Armonia dell’Intero e sul senso dell’esistenza dell’Anima nel corpo, sul fatto che l’uomo è Anima, il corpo è soltanto il suo involucro e la sua dimora temporanea.

L’insegnamento dell’Anima alla Bontà, all’Amore, alla Calma, alla Moralità era la tappa preparativa per quello che voi chiamate raja-ioga.

Anche il modo armonioso della vita era favorevole a questo:

la vastità della riva del mare, il clima piacevole per la vita, temperato nel freddo e nel caldo, la giusta e pura alimentazione.

I Miei allievi praticavano anche fluenti esercizi di ginnastica per il corpo e bagno nel mare.

 

La tappa del lavoro pianificato con le energie del corpo si cominciava soltanto quando l’Anima-Amore superava la grandezza del corpo.

La vita sulla riva del mare e l’armonia d’intorno favorivano questo.

 

Tutte le volte, su ogni tappa l’Anima faceva il primo passo nell’assimilazione del nuovo scalino e invece il corpo si sottometteva e gradualmente assorbiva il nuovo stato d’Anima.

In questo modo il corpo si trasformava e si purificava. Qualunque tipo di problema del corpo se ne andava nel momento in cui si cancellavano sul piano causale il problema o il vizio dell’Anima.

 

L’Anima-Amore, che supera di molto la grandezza del corpo,

sintonizza esso come Strumento, il quale per suonare in Armonia con l’Universo ha i sette chakra come cavità e meridiani, come le corde.

Questo Strumento permette all’Anima Umana di creare la Grande Musica della Vita e dell’Armonia.

 

Su questa tappa tanta attenzione prestavamo alla musica e alla danza che erano capaci di fare effetto e di trasmettere agli altri adepti i superiori stati d’anima.

 

Le meditazioni nella nostra Scuola di solito si compivano facendo una tranquilla camminata.

 

La fase di buddhi-ioga s’iniziava quando la vita dell’Anima,

nella qualità del “Proprio Mahadublo”, parlando con le vostre espressioni, diventava naturale.

 

Mentre ero incarnato avevo pochi allievi che sarebbero stati pronti a questo tipo di lavoro.

Però, dopo, loro continuavano il lavoro della Scuola.

Loro sostenevano lo Spirito della fraternità Pitagorica nelle filiali create in tutto il Mediterraneo per più di 500 anni. Loro sono tutti pronti ad aiutarvi anche adesso nella diffusione e nell’introduzione delle vostre, cioè delle Nostre cognizioni comuni.

 

Prima tu Mi hai chiesto della materializzazione e della dematerializzazione. Io non ho risposto allora alla tua domanda. Ma ora sono pronto a rispondere.

 

Io non ho cercato di acquisire la dematerializzazione del corpo, non lo avevo come scopo.

 L’immortalità dell’Anima nell’Unione con la Superiore Consapevolezza Divina, questo era lo scopo che avevamo Io e i Miei allievi. Se l’Anima riesce a realizzarlo in tempo e così vive servendo il Creatore e la gente, allora il corpo materiale diventa Divino perché l’Anima Divina trasforma il piano materiale con Sé-Luce.

 

Dopo l’incendio nella scuola, per sostenere i Miei allievi che erano riusciti a salvarsi, ma erano privi di spirito dopo la notizia della Mia morte, Io senza fatica materializzavo il Mio corpo fisico e così apparivo davanti a loro.

Perciò erano comparse leggende che Pitagora si era salvato.

La materializzazione del Mio corpo era necessaria per sostenere quelli, che dovevano continuare il Compito di Dio, non fare spegnere la Luce Vera e portare le conoscenze superiori a quelli che continuano il proprio sviluppo nel corpo sulla Terra.

 

 

 

ஐ *Conoscere l’Essenza Divina è

la Destinazione Spirituale della Nostra Anima,

che è stata mandata sulla Terra dal Creatore dell’Universo* ஐ 

 

 Pitagora 

 

 

 

 

*DIALOGO CON PITAGORA* http://inlucedivina.altervista.org/dialogo-con-pitagora/ 

 

 

 

**PENTAGRAMMA PITAGORICO** – Il rapporto tra diagonale e lato del pentagono descritto coincide con *LA SEZIONE AUREA*

 

 

 

OM NAMAH SHIVAYA!

Annunci